Nome mai svelato.

Nome mai svelato.

Aveva la pelle bianca
e un tatuaggio addosso
con il nome di sua mamma.
Partita da chissà quale paese lontano.
Quaggiù con pochi anni addosso
e occhi smarriti a distribuire miele
che copre sapore d’aceto
di giovani e vecchi uomini tristi.

Addio 2021

Anno difficile che hai scatarrato tutto il peggio dell’umanità
Ci hai resi più deboli e vulnerabili
Messi uno contro l’altro
Anime belle e altre da dimenticare
I buoni e ubbidienti da una parte
i cattivi disubbidienti dall’altra
Siamo diventati peggio di sempre
Odiatori e odiati abbiamo perso tutti,
dignità e bontà d’animo in un balletto di giudizi,
senza davvero mai un dubbio,
tu sbagliato io giusto e
di poco amore in ogni dove.

leggi di più

Ragazzo di 60 anni

Ragazzo di 60 anni
hai smesso di sognare e coperte altrui più non rimbocchi
non smetti di pensare a nulla è come prima
ti affacci alla vita sempre più presto la mattina
i sogni son deboli e debole afferrarli
se avessi immaginato quanta bellezza persa a
rincorrere lavoro e altre vite
stupito guardi nuove rughe,

leggi di più

Mi perdo le cose

Ho perso un mazzo di fiori stanotte
l’avevo raccolto con pazienza in giro da qualche parte
poi tra la folla confusa e isterica,
strattonato e spintonato da chissà quale frenesia,
i fiori son caduti.

leggi di più

Settembre

È una domenica di settembre
in cui decidi di raggiungere il mare e il sole;
aggiungere tra te e me momenti di bellezza e straordinario affetto.
A viaggiar stretti su una moto ci si sente
parte di un insieme d’amore,
dopo curve e strade bellissime
ti sembra di stare su una giostra per bambini.
Tornanti armonici e in cima a un colle poi,
un panino enorme con le acciughe,
proprio felici uguali come in un film.

leggi di più

I vigneti

Camminare a piedi nudi tra i filari dei vigneti,
affondarli nella terra fresca,
ascoltare con rispetto il silenzio ordinato,
quasi testimone di così tanta bellezza tra queste colline pronte,
disposte verso il sole,
non si perdono neppure un minuto del suo calore,
fino alla fine del giorno il tramonto,
alza un’ atmosfera paradisiaca che rende la vita leggiadra
spazza via tutti i pensieri meno belli..

leggi di più

Il Girasole

Sembri una pianta ordinata e ubbidiente,
girasole mai discorde ai compagni tuoi di campo
soldatino insieme a migliaia di altri soldatini allineati,
volti le spalle al sole incurante del caldo della terra

forma di rispetto
occhi chiusi
dritto in religioso silenzio
la tua vita onora il campo e la terra su cui sei eretto

leggi di più

Non si nasce mica imparati a vivere

L’infanzia l’ho praticata pochissimo
Solo poche bizzarrie tipo quella del circo in paese:
Innamorato perdutamente della giovane contorsionista
le scrissi una lettera e coinvolto il nano affinché la recapitasse
in cambio volle un panino enorme con ricotta e olive,
Non successe nulla
era un nano bugiardo o
una contorsionista con il cuore di ghiaccio.

leggi di più

In un viaggio può capitare

In un viaggio può capitare d’incontrare il mare e
col vento, pensieri liberi attraversare
Incontrare bella gente, annotarne i pensieri,
sentire i miei ora, quanto sono paghi a volte inquieti
Sentirsi fortunati per aver vissuto già senza troppi guai,
che per altri, così non va
È sempre troppo tardi per non aver vissuto bene

leggi di più

Il grido degli ulivi

Siamo una generazione “fortunata” del dopo guerra,
abbiamo sentito racconti di contadini e dai nostri genitori,
ci siamo emozionati per ciò che ascoltavamo sui predecessori
che non abbiamo neppure conosciuto,
abbiamo sentito parlare di fame, miseria, guerra e lavoro duro nei campi,
battaglie vinte dai contadini per l’ottenimento di terre da coltivare,
coloni al servizio dei padroni per un pezzo di pane e nel cuore
l’orgoglio di avere il proprio piccolo campo di ulivi
a garantire anche solo la fornitura familiare.

leggi di più